News Legge di Stabilità: plurime  critiche ..La Stabilità dov’è?Dopo i rilievi mossi dai tecnici dei Camera e Senato, anche Raffaele Squinteri, Presidente della Corte dei Conti, ha espresso il suo parere non troppo positivo sulla Legge di Stabilità. Quasi gli stessi toni sono stati usati da Signorini, vice presidente della Bankitalia, che ha chiesto al Governo di fare marcia indietro sull’innalzamento del tetto all’uso del contante almeno per quanto riguarda le attività che si occupano del trasferimento di denaro contante all’estero. Forti critiche anche sulla scelta di rinviare le clausole di salvaguardia che la manovra disinnesca solo per il 2016. Rimandare la disattivazione delle clausole di un anno significa dare un segnale d’incertezza. E’ anche molto importante quindi che la finanziaria 2016 sia accompagnata da tagli alle erogazioni.

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Non bastavano solo le critiche dall’Unione Europea che ha affermato che la flessibilità del patto di Stabilità dovrebbe essere usata attentamente per evitare il rischio di abusi.

Oggi si sono aggiunti i rilievi mossi dai tecnici dei Camera e Senato, a cui si sono aggiunte le critiche  della Corte dei conti e perfino di Bankitalia Squiteri punta il dito contro la Tasi.

Così come è stata pensata la cancellazione del balzello sull’abitazione principale infatti, avvantaggia i Comuni dove le aliquote applicate erano più alte rispetto agli altri.

Inoltre il problema della mancanza di gettito per i Comuni, rischia di ricadere sui cittadini non residenti.

A farne le spese sono stati infatti quei Comuni che avevano una Tasi meno cara.

Ci sono poi le critiche al posticipo di alcuni problemi come lo sblocco dei contratti statali che inciderà poco nel 2016, ma molto nel 2017.

Stesso discorso per la perequazione delle pensioni e per le clausole di salvaguardia che sono state disinnescate per il 2016, ma che ritorneranno con importi più alti nel 2017.

Secondo la Corte dei Conti l'aggiustamento di bilancio si tradurrà direttamente in un minore valore dei servizi offerti.

In base alle ultime valutazioni effettuate, i fondi necessari per l'adeguamento delle prestazioni ai nuovi Livelli di Assistenza Sociale (Lea ) ammonta a circa 800 milioni, mentre rispetto al 2015 l'incremento delle risorse al fondo sanitario nazionale è stato di 500 milioni.

Altra scelta contestata è stata quella sul rinvio delle clausole di salvaguardia: il riassorbimento" delle clausole nel 2017 e nel 2018 "richiederà l'individuazione di consistenti tagli di bilancio o aumenti di entrate sia pur resi meno onerosi dai benefici di una maggiore crescita, che andranno a gravare prevalentemente sulle amministrazioni locali, con ripercussioni negative sulla qualità dei servizi".

In definitiva i giudici tributari ritengono che la scelta di politica economica fatta dal Governo nella legge di Stabilita, riduce i margini di protezione del conti pubblici, e lascia sullo sfondo nodi irrisolti e questioni importanti (quali il definitivo riassetto del sistema di finanziamento delle autonomie territoriali.

Non meno dura Bankitalia che ribadisce che per sostenere la crescita è più efficace tagliare le tasse sui fattori di produzione rispetto ad alleggerimenti del prelievo sul patrimonio.

L’esistenza invece di una soglia all’uso del contante non è, secondo la Banca d’Italia, un «impedimento assoluto alla realizzazione di condotte illecite» ma «scoraggia in via generale una circolazione di banconote troppo ampia, tale da fornire materia a transazioni illecite.

Un limite, anche basso, va quindi mantenuto.

L’esistenza di una soglia scoraggia in via generale una circolazione di banconote troppo ampia.

Ma laddove le critiche del vice-direttore di Bankitalia sono più stringenti è proprio sul punto della diminuzione delle imposte.

Essa è finanziata solo in parte con riduzioni di spesa, che invece erano state più volta promesse dal Premier Renzi.

Quello che è stato fatto è cercare di aumentare le entrate ma con strumenti di natura temporanea. Le maggiori entrate, in buona parte derivanti dalla voluntary disclosure“,  cosi come quelle derivanti dalla tassazione aggiuntiva sui giochi, hanno infatti natura “temporanea”.

Dal canto suo il sottosegretario all’Economia Enrico Zanetti ha chiesto un ripensamento sull’uso del contante. Sarà forse un brutto segno?

Vuoi sapere quante visite ha questo articolista? Clicca sul bottoncino "VS" a lato.

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.