Sono rimasti in corsa 8.000 candidati, pur sempre tantissimi
Sono rimasti in corsa 8.000 candidati, pur sempre tantissimi. 

Il posto fisso non esiste più? Nelle banche ci sono troppi scandali? Diciamolo sottovoce, ma soprattutto non diciamolo all'esercito di italiani che hanno preso d'assalto il  concorsone per 30 posti di vice-assistente alla Banca d'Italia. Ne valeva la pena per 28.300 euro annui lordi più indennità e premi? E cosa accadrà nel 2018, quando i posti disponibili saliranno da 30 a 60? La durata della graduatoria, quattro anni, è giusta e legittima? Come gestire un concorso con oltre 2.800 aspiranti per ogni posto, dove farlo, come organizzarlo, come ospitarlo? L'unico metodo era la pre-selezione e la Banca d'Italia è intervenuta prontamente...

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Aveva ragione, come spesso accade nelle sue gag che partono dalla quotidianità e dal popolino, il Checco Zalone di Quo Vado? Il  posto fisso esiste ancora ed è l'unico vero mito che resiste fra gli italiani?

Il Concorsone da 85.000 (per la precisione 84.745) domande per 30 posti disponibili da assistente, in realtà vice, in Banca d’Italia, comunque una delle istituzioni portanti del Paese, ha dimostrato che in questo Paese la fame di lavoro non viene mai soddisfatta.

I termini scadevano nel mese di Maggio, ma la mole gigantesca delle domande ha indotto la Banca d'Italia a gestire in maniera particolare l'ondata, al punto che le liste degli ammessi al test scritto e poi al colloquio sarà resa nota il prossimo 27 Luglio.

La comunicazione sul Sito ufficiale di Palazzo Koch è fredda ma inequivocabile: “in relazione al concorso per l’assunzione di 30 Vice assistenti (bando del 20 Aprile 2017, pubblicato sull a G.U. n.32 del 28 Aprile 2017), si comunica che sono pervenute 84.745 domande di partecipazione e pertanto si effettua la preselezione per titoli prevista dall’art. 3 del citato bando”.

I Candidati però sono stati poi ridotti a 8000, in pratica 270 per ogni posto disponibile, tramite una selezione per titoli.

Mentre in apertura del  bando i criteri erano piuttosto generici, con la pre-selezione, con la scrematura, bisognava avere una laurea specialistica ottenuta il massimo dei voti.

Chi riuscirà a farcela, diventerà vice-assistente e potrà svolgere anche attività allo sportello.

Prima però il concorso,  la grande sfida, solo 30 su 8000 (per la precisione 8140) ce la faranno.

Dovranno affrontare 100 domande a risposta multipla.

Ma quando si terrà il  concorso per gli aspiranti a quel mondo bancario che ultimamente ha deluso parecchio gli italiani? Lo specifica il bando stesso: "Ai candidati ammessi viene data notizia del calendario e del luogo di effettuazione del test tramite avviso sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana – 4 a Serie speciale (Concorsi ed Esami) di uno dei martedì o venerdì del mese di ottobre 2017".

Nove candidati su dieci, nel mare magno degli 85.000, in pratica sono già stati scartati, invece degli 8000 che potranno cimentarsi con il test a risposta multipla, resteranno in 300, anche se per entrare davvero nei primi 30 posti della graduatoria bisognerà poi passare una seconda  prova, un colloquio.

I sindacati inizialmente parlavano di 60.000 domande senza un limite di età (bisognava aver superato i 18 anni), ma il dato reale ha superato ogni aspettativa, nonostante gli scandali e i patemi di tante banche italiane.

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???» ... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

 

FONTI:

Per il contenuto: Banca d'Italia 85mila candidati, repubblica.it, 2 Luglio 2017.

Per l'immagine: www.we-news.com

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Articolo scritto da:

Mauro Suma, il Direttore Responsabile (leggi la sua biografia).