Fra 217 anni le donne saranno pagate come gli uomini
Fra 217 anni le donne saranno pagate come gli uomini. 

Uguaglianza lontana, forbice sempre più ampia. La differenza salariale tra uomini e donne fa spavento, basti pensare che le donne dovranno aspettare 217 anni per colmare le differenze retributive rispetto all'altro sesso. La clamorosa voragine è sostenuta, comunicata e dimostrata dal World Economic Forum nel nuovo Global Gender Gap Report che mette in evidenza il progresso verso la parità dei sessi in 144 paesi analizzando quattro tematiche: partecipazione alla vita economica e opportunità lavorative, conseguimento dell'istruzione, salute e sopravvivenza e responsabilizzazione politica. Le differenze di genere più ampie riguardano proprio la sfera economica, ma anche quella sanitaria: è il valore più basso misurato dal 2008.

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Italia, brusco peggioramento: il divario di genere fra uomini e donne in opportunità, status, rappresentanza politica e attitudini continua ad allargarsi nel corso degli anni.

E' un fronte su cui non si registrano progressi, anzi...

Le diseguaglianze sono ampie soprattutto sul fronte del lavoro e delle retribuzioni: lo certifica e lo sancisce il World Economic Forum: nella classifica globale stilata per quest'anno il nostro Paese precipita di ben 32 posizioni crollando all'82esimo posto su un totale di 144 Paesi.

La caduta è livera, visto che solo due anni fa l'Italia non era eccellenza in quest'ambito, ma era senz'altro messa meglio visto che si trovava al 41esimo posto.

L'istituzione internazionale mette in evidenza che sul fronte delle retribuzioni "c'è una percezione molto bassa della parità salariale per un lavoro simile tra i sessi".

Il calcolo, che fa notizia da solo, è che per la parità di genere ci vorranno 217 anni, per cui siamo nel 2017 e bisognerà attendere il 2234...buona fortuna...

Al di là del fatalismo, ci sono delle ragioni che stanno determinando tutto questo regresso?

Stando proprio al World Economic Forum, "le principali ragioni" che hanno determinato la repentina discesa dell'Italia nella classifica globale chiamano in causa una notevole dilatazione del divario politico in termini di empowerment, con le consapevolezze e le certezze di genere risultato ridimensionate nell'ordine del 45% nel 2016, al 33% nel 2017.

Il Report definisce anche "preoccupante" il peggioramento del divario di genere sul versante "salute e sopravvivenza", con l'Italia che retrocede dal 77esimo posto del 2016 al 123esimo del 2017.

Insomma, stando alla classifica del 2016 sarebbero stati necessari 170 anni per arrivare alla parità salariale uomo-donna, oggi invece l'asticella si è alzata a quota 217.

Questo accade anche perchè almeno il 61,5 per cento delle donne che lavorano vengono pagate poco e male: più di una donna su due, e con questo dato stride il fatto che la donna più pagata del mondo è il top manager, Mary Barra, a capo della General Motors: ma questo accade negli Stati Uniti d'America...

L'Italia è in avvitamento da questo punto di vista, come rivela impietosamente il Gap monitorato dal World Economic Forum. 

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???» ... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

 

FONTI:

Per il contenuto: Per italiane parità salari resta chimera, ansa.it, 2 Novembre 2017.

Per l'immagine: www.we-news.com

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Articolo scritto da:

Mauro Suma, il Direttore Responsabile (leggi la sua biografia).